Skip to main content

Nel lignaggio antico abita una fonte di forza e saggezza immensa, che è possibile riportare in vita nel nostro presente traendone potere.

Nello stesso lignaggio che ognun* di noi possiede si incontra uno spazio ampio e ricettivo, disponibile affinchè ogni discendente possa sentirsi sostenuta, rinvigorita e centrata nel presente. Molto spesso nella storia familiare sono presenti nodi ed intrecci che finiscono con il richidere molta della nostra energia vitale procurando sofferenza e ristagno energetico anzichè potenziarci.

In numerose occasioni ho ascoltato durante consulti o corsi donne condividere:

” Le mie antenate mi collegano a molto dolore, paura, risentimento, come posso incontrare la loro forza?”

Inoltre ho incontrato un rifiuto enorme da parte di alcune riguardo l’intero il Lignaggio che inizia dalla propria madre fino a tutta la catena femminina per intero. 

E’ possibile trasformare questo sentimento se lo desideri ma è necessaria volontà, pazienza, umiltà e costanza.

Quando iniziamo un processo rivolto a Sanare il Lignaggio, non si tratta di cambiare le nostre Antenate, la loro essenza, la loro forma di essere nei nostri confronti o ancor meno la loro storia  ma ciò che si relaziona a loro, come noi le vediamo, cambiando il “come” ognuno* di noi si vincola ad esse risvegliando il sentimento di appartenenza, in modo che il lignaggio diventi una fonte di forza, amore, salute e non un carico pesante e schiacciante, che non permette di vivere il presente e manifestare la propria essenza. 

Questo è il movimento alchemico che abbiamo l’opportunità di realizzare.

Quindi in tutti i processi di Sanzione del Lignaggio non si tratta di cambiare l’altro o di sapere cosa è giusto quindi giudicare il vissuto di chi è venuto prima. 

Si tratta di trasformare la dinamica relazionale nostra con le antenate e questo lo realizzo all’interno dei miei passaggi interiori, in uno spazio sacro costruito appositamente. 

Si tratta di sviluppare la Virtù dell’onore, del rispetto, l’umiltà, la riverenza e sopratutto l’accettazione (fonte virtuosa di sanzione). 

Con Amore  Chiara Brunetti

Leave a Reply

Close Menu
EnglishItalianSpanish
EnglishItalianSpanish